Seleziona una pagina

Come si può chiedere consiglio per la vendita o l’acquisto di una casa ad una persona che non ha a cuore la sua?

Sarebbe un controsenso e, di certo, i consigli potrebbero essere discutibili!

Un’agenzia immobiliare è un’attività commerciale che offre servizi e, in quanto tale, deve rispettare dei principi d’accoglienza o, quanto meno, deve essere impeccabile in tutto ciò che concerne il suo settore: ambienti ed interni.

Grazie al mio lavoro di home stager, ho aiutato moltissime agenzie immobiliari a rivoluzionare o rinnovare la propria immagine, studiando tutto nei minimi dettagli: dal colore delle pareti, alla scelta precisa delle sedute.

Tutto questo perché accogliere un cliente in un ambiente nuovo, fresco e profumato, dargli il benvenuto con il sorriso ed un abbigliamento idoneo è alla base di quello che viene definito “un servizio di qualità”.

Ma oggi i tempi sono cambiati ed il cliente, il più delle volte, è informato ed aggiornato.

Per questo, non basta essere cordiali e fare bene il proprio lavoro, ma occorre fare la differenza curando i dettagli, a partire dall’aspetto della propria agenzia.

Di seguito ti svelo i 10 errori che non dovresti mai commettere nella tua agenzia immobiliare:

 

  1.     Non curare le vetrine.

Mi è capitato spesso di vedere agenzie immobiliari con vetrine vecchie e sporche. Alcune avevano adesivi stampati male, altre annunci ingialliti dal sole o perfino scritti a mano.

Errori assolutamente da evitare, poiché danno una sensazione di trascuratezza ed approssimazione che potrebbe riflettersi sulla percezione del servizio.

 

  1.     Mettere delle barriere tra l’agente immobiliare e il cliente.

Al giorno d’oggi la parola chiave è accoglienza. Per questo, non deve esserci nessuna scrivania a dividere il cliente e l’agente immobiliare, ma è bene creare una situazione informale, magari allestendo un piccolo salottino nell’angolo dell’agenzia. La scrivania potrebbe creare distacco ecco perché è bene averne una elegante o addirittura averla solo nel proprio ufficio privato, lontano dai clienti! In questo modo, avrai la possibilità di entrare in confidenza con il cliente, che non avrà la sensazione di essere dal commercialista, ma percepirà un’atmosfera familiare ed umana e si affiderà volentieri ai servizi che gli proporrai.  

 

  1.     Non inserire il logo all’interno dell’agenzia e nei complementi d’arredo.

Sembrerà banale e scontato, ma non lo è: il logo dell’agenzia deve essere il leitmotiv di tutti gli ambienti. I clienti devono vederlo ovunque ed è per questo che deve essere moderno, elegante ed in linea con lo stile dell’agenzia.

Inserisci il logo nelle foto, nelle pareti, nelle cartelline che lasci ai clienti, sullo zerbino d’ingresso: deve entrare nella testa del tuo cliente, ma con eleganza.

Ti svelo un trucchetto per capire se è giunto il momento di rinnovarlo. Rispondi a queste semplici domande:

– Ha più di 5 anni?

– Ha più di 3 colori (bianchi e neri compresi)?

– Potrebbe essere associato anche ad altri settori?

Se la risposta a tutte queste domande è Sì, allora ti consiglio di rinnovare in fretta il tuo logo, perché di sicuro sta limitando la tua immagine.

 

  1.     Avere arredi vecchi o banali.

Di solito, gli arredi andrebbero cambiati ogni 3 anni. Sono investimenti detraibili ed è fondamentale rinnovare il look con regolarità.

Le mode cambiano sempre più in fretta ed essere in linea con i trend del momento significa sapersi aggiornare e propendere per il cambiamento.

 

  1.     Non tinteggiare le pareti.

Quante volte ti è capitato di entrare in case da vendere e metterti le mani nei capelli per lo stato delle pareti? Tinte, vecchie, strane, scolorite, ingiallite e rovinate.

Le agenzie, spesso, sono come queste case. Magari consigliano ai loro clienti di tinteggiare l’immobile come conditio sine qua non per poterlo vendere e poi sono i primi a non farlo.

Tinteggiare gli spazi dona luce e pulizia. Ti invito a farlo periodicamente e farti consigliare da un home stager sui colori da utilizzare per valorizzare l’immagine ed il posizionamento del tuo brand.

 

  1.     Aver paura di osare con lo stile, per non rischiare di perdere clienti.

“Se poi mi faccio troppo bello penseranno che sono caro!”

Molte volte ho sentito pronunciare questa frase ed ogni volta ho risposto con queste due domande: “Qual è il tipo di clientela che desideri avere? Vorresti attrarre clienti che sono in grado solo di chiederti sconti o preferisci rivolgerti a chi cerca la professionalità e la cura dei dettagli nel proprio lavoro?”

Credo che la risposta sia ovvia. Dunque, perché non provarci?

 

  1.     Non tener conto del profumo dell’ambiente.

Questo è un dettaglio tanto banale, quanto importante.

Esistono perfino professionisti che studiano l’influenza positiva e negativa dei diversi profumi sulle emozioni delle persone: pensa quanta differenza può fare sui clienti l’odore che si respira nella tua agenzia!

Se ti accogliessero in una boutique dove c’è un evidente odore di fogna, cosa penseresti?

Gli odori sono importantissimi, per questo è bene arieggiare periodicamente le stanze o profumare con essenze neutre e leggere gli ambienti.

Sarà come coccolare i vostri clienti e lasciare loro un bel ricordo del vostro incontro.

 

  1.     Non predisporre una zona accoglienza.

Quante volte capita che arrivino più clienti contemporaneamente?

Farli attendere in piedi o su delle vecchie sedie anni 80 lo considero triste e deprimente, oltre ad essere penalizzante dal punto di vista della qualità del servizio.

Ecco i motivi:

  •         Il cliente si sentirà a disagio e avrà la sensazione di volersene andare in fretta.
  •         Il cliente sentirà di perdere del tempo, non avendo niente di bello da fare in quel momento.
  •         Il cliente sentirà che non vi state prendendo cura di lui.

Quando il cliente inizierà il vostro incontro, lo farà con una sensazione negativa, che dovrai annientare facendo il doppio della fatica.

Ti consiglio di creare angoli interattivi, con schermi touchscreen o video in loop che parlino per te anche quando non sei presente. Predisponi un tavolino in cui servirsi tisane calde d’inverno o bevande fresche d’estate e compra delle riviste di settore esclusive

 

  1.     Avere poca tecnologia a disposizione e, per di più, vecchia.

Se i tuoi servizi sono identici a 10 anni fa vuol dire che non vuoi innovare.

Ti sei mai chiesto che fine hanno fatto brand come Kodak, Nokia, Blackberry etc? Semplicemente non hanno voluto innovare la loro tecnologia e sono rimasti schiacciati dalle nuove aziende al passo con i tempi.

Vorresti fare la stessa fine anche tu?

Trova servizi innovativi e moderni da poter proporre ai tuoi clienti e fai la differenza sulla tua concorrenza.

Ecco qualche idea: crea un angolo dedicato solo ai virtual tour oppure predisponi uno schermo interattivo in vetrina, che mostri chi sei 24/7, anche quando la tua agenzia è chiusa.

Insomma, di idee tra cui scegliere ce ne sono tante, l’importante è innovare!

 

  1. Non badare ai tuoi collaboratori.

L’agenzia non è fatta solo delle quattro mura in cartongesso, ma è fatta delle persone che la abitano tutti i giorni.

Per questo, non c’è arredamento migliore di un sorriso, un abbigliamento idoneo e stiloso e un buon profumo.

Sono dettagli, ma, in quanto tali, fanno la differenza sull’esperienza da parte del cliente.

Ti fideresti mai di un parrucchiere con i capelli sporchi?

Il cliente deve scegliere se affidarti la sua casa da vendere o se rivolgersi a te per acquistarne una nuova. Come può farlo se davanti a sé ha una persona scontrosa, che non si prende cura nemmeno di se stessa?

 

Bene, ora hai un quadro esaustivo di tutte le migliorie che potresti apportare alla tua attività.

Vedrai che i clienti noteranno la differenza e, pian piano, la tua agenzia raggiungerà un posizionamento molto più alto, rivolgendosi ad una clientela che cerca professionalità, qualità e innovazione.

Se desideri approfondire l’argomento e vorresti ricevere altri consigli per la tua agenzia, seguimi sul mio canale YouTube: http://bit.ly/ElisabettaRossi

Inoltre, una volta l’anno tengo un corso in aula, dal nome Strategie per Vendere Casa Live, che sono sicura potrà fornirti degli ottimi strumenti e strategie, per finalizzare brevemente le trattative di vendita dei tuoi clienti.

Il corso è a numero chiuso e si può accedervi solo dopo un’accurata selezione da parte del mio staff. 

Questo perché desidero riservare i miei corsi solo a persone motivate, con una gran voglia di imparare e mettere in pratica fin da subito quindi scrivi a staff@strategiepervenderecasa.com per candidarti al prossimo evento Live 2020.

Ricorda che un’ottima formazione è fondamentale e necessaria alla propria crescita professionale e personale.

Seguimi sui miei canali social per non perdere i miei nuovi video!

A presto,

Elisabetta