Seleziona una pagina

Scommetto che hai fatto molti corsi per diventare home stager, che hai potenziato le tue competenze, ma che probabilmente non sai ancora da che parte cominciare per prendere il tuo primo lavoro di home staging.

Non preoccuparti, tutti ci siamo trovati in questa posizione.

Questo è una fase molto delicata, perché, forse per la prima volta da quando hai iniziato questo percorso, devi agire davvero se vuoi vivere di home staging.

È arrivato per te il momento di inserirti nel mercato, di trovare i tuoi primi clienti, di farti conoscere e di farti apprezzare.

Continua a leggere e scoprirai qualche utile consiglio pratico per farlo al meglio!

Lo studio della concorrenza

Uno degli errori più comuni è quello di pensare di essere gli unici ad offrire un certo prodotto o servizio.

La concorrenza c’è ed è tanta, ma questo non deve spaventarti, anzi deve essere uno stimolo costante a fare sempre meglio.

Proprio per questo durante i miei corsi consiglio a tutti di fare uno studio molto approfondito della concorrenza prima di inserirsi nel mercato.

Analizzare la concorrenza significa studiare chi sta già offrendo un servizio identico o simile al tuo e, soprattutto, in che modo lo sta facendo.

Chiunque finirà su questa lista prenderà il nome di concorrente diretto, proprio perché offre esattamente lo stesso tuo servizio.

C’è però un’altro tipo di concorrenza che devi considerare: quella indiretta.

Esiste un competitor che offre un servizio diverso, ma che di fatto risolve lo stesso problema?

Se la risposta è sì, dovrai inserire anche quel nome nella tua lista.

Una volta che avrai individuato tutti i tuoi principali concorrenti, ci sono diverse domande che devi porti:

  • il modo in cui il mio competitor offre il suo servizio è oggettivamente migliorabile?
  • quali sono gli elementi che differenziano il mio approccio dal suo?
  • in cosa potrei essere migliore di lui?
  • potrei eventualmente stabilire una collaborazione o è meglio agire per conto mio?

Non sottovalutare mai l’importanza di questa attività, perché studiare la concorrenza con attenzione può aprirti molte possibilità.

Se desideri approfondire con me questo argomento, ho creato un video corso intitolato COME CRERAE UN BUSINESS DA ZERO dove ti prendo mano per mano per fare dei tuoi sogni professionali un vero business ben strutturato: esercizi, prove pratiche, domande per analizzarti in profondità, tutto ciò che serve per non commettere errori.

Potresti ad esempio trovare ispirazione nel lavoro di qualcun altro, potresti individuare un aspetto importante che il tuo competitor tralascia, oppure potresti proporre una nuova chiave di lettura per i tuoi servizi.

Da questo momento in poi, non devi più percepire la concorrenza come un problema, ma come un’opportunità!

Ricorda sempre che la concorrenza è maggiore dove la richiesta di un prodotto o servizio è maggiore.

Lo studio della clientela

Senza i clienti, nessuna attività potrebbe mai sopravvivere.

Avere clienti, però, non basta più.

L’obiettivo di un business di successo deve essere quello di avere i clienti GIUSTI.

Perché?

Non tutti sono pronti ad acquistare un certo prodotto o servizio; esistono persone più propense di altre a farlo.

Prova a pensare al tipo di cliente che ti piacerebbe avere e vedrai che nella tua testa comincerà a delinearsi un ritratto preciso del cliente perfetto.

Hai terminato il tuo identikit virtuale? Molto bene!

Ora non ti resta che ripetere la stessa procedura per altre 9 volte.

Una volta che avrai individuato 10 clienti tipo, potrai cominciare a studiare nel dettaglio i servizi da proporre.

Più dimostrerai di conoscere nel dettaglio il tuo cliente e più lui si sentirà capito da te.

Se riuscirai a creare una sintonia, le probabilità di aggiudicarti il cliente saliranno moltissimo.

Devo però metterti in guardia dal terribile “effetto polpo”.

Molto spesso, soprattutto all’inizio, si tende a strafare, offrendo al cliente qualsiasi tipo di servizio connesso all’home staging (grafiche, fotografie, allestimenti, consulenze, piccoli lavori interni), pensando che così sarà più facile convincerlo a firmare il contratto.

Non dico che non possa essere così, ma potrebbe esserci il risvolto negativo di passare per un tuttofare.

Questo non deve accadere, perché l’home stager è un professionista e deve essere percepito come tale dai clienti.

Non proporti come la soluzione ad ogni problema, ma offri invece un servizio dettagliato e preciso.

Questo ti aiuterà a posizionarti nel modo giusto – come un professionista specializzato e competente – nella mente del cliente e ad aumentare il valore percepito del tuo servizio.

Il lavoro di home staging e il personal branding

Offrire un servizio dettagliato non è però l’unica azione necessaria per raggiungere un posizionamento elevato.

Per riuscire in questo intento, è necessario creare un personal brand forte.

Che cos’è un personal brand?

È un manifesto che parla di te, dei tuoi valori e del modo in cui svolgi il tuo lavoro.

Sulla base di questo manifesto, dovrai studiare tutta la tua comunicazione, sia verbale (scritta e parlata), che visuale (grafica, logo, sito web, pagina Facebook, bigliettini da visita, abbigliamento, ecc.)

La parola d’ordine dovrà essere una soltanto: coerenza.

Solo se rimarrai sempre coerente al tuo manifesto potrai costruire un personal brand forte e riconoscibile.

Naturalmente la definizione del personal brand non potrà prescindere dall’area di specializzazione che sceglierai:

  • se sceglierai di lavorare nel mercato delle locazioni turistiche, la tua intera comunicazione dovrà essere adatta a questo settore;
  • se invece sceglierai il mercato degli investimenti immobiliari, dovrai optare per un’immagine completamente diversa.

Ricorda sempre che il tuo personal brand non deve solo rappresentarti al 100%, ma deve anche catapultare il cliente nel tuo mondo, farlo innamorare dei tuoi valori e del tuo lavoro.

Home staging e agenzie immobiliari

Le tipologie di clienti di un home stager sono essenzialmente tre:

  • le agenzie immobiliari;
  • investitori immobiliari o costruttori;
  • i privati.

È chiaro che in un’ottica di redditività, soprattutto nel lungo periodo e per iniziare l’attività, lavorare con le agenzie immobiliari sia molto più remunerativo.

Attenzione, però.

Non tutte le agenzie immobiliari sono uguali.

Ecco alcune aspetti che devi sempre valutare prima di tentare una collaborazione:

  • se l’agenzia investe in marketing e comunicazione;
  • se ha un’immagine curata e coerente;
  • se ha immobili interessanti che potrebbero essere allestiti per la vendita.

Se un’agenzia ha tutte queste caratteristiche, allora vale la pena richiedere un appuntamento per presentarsi.

Perché consiglio sempre di richiedere un appuntamento?

Perché l’appuntamento rappresenta un impegno formale ad una conversazione esclusiva, senza interruzioni o distrazioni.

Richiedere un appuntamento aumenta inoltre il valore percepito del contenuto della conversazione.

Puoi fissare un appuntamento di persona o per telefono, ma il mio consiglio è di farlo di persona, in modo da avere già una prima opportunità di presentarti, seppure brevemente.

Non aspettarti di riuscire ad ottenere sempre un sì come risposta; i rifiuti saranno certamente molti.

Il segreto è solo uno: perseverare.

Non arrenderti alla prima difficoltà e non importi di raggiungere un numero di collaborazioni esorbitante.

È irrealistico e anche non necessario.

Non ti servono 20 agenzie con cui collaborare; te ne bastano poche, ma che credano talmente tanto nel tuo lavoro da assicurarti un buon numero di allestimenti all’anno.

La quantità non è mai sinonimo di qualità.

Investi le tue energie nelle giuste collaborazioni e vedrai che in poco tempo ti costruirai un portfolio e una reputazione di tutto rispetto.

Se hai compreso l’importanza di quello che ti ho detto finora, allora sei sulla strada giusta per diventare un home stager di successo.

Non avere fretta e segui meticolosamente ogni consiglio che ti ho indicato.

Vedrai che i risultati arriveranno presto!

Se desideri entrare in dettaglio e conoscerci dal vivo sta per arrivare la TERZA EDIZIONE del mio evento LIVE! Sarà all’inizio del 2020 a Milano, vorresti partecipare a 3 giorni di formazione intensa e trasformante?!

ATTENZIONE!!! La partecipazione avviene tramite candidatura, quindi se desideri candidarti per essere selezionato clicca qui e rispondi al questionario! In 10 giorni riceverai l’esito della tua candidatura.

Ti aspetto in aula per parlare ancora di business immobiliare insieme a te.

A presto,

Elisabetta